Ecografia Torino

L’ecografia è un sistema di diagnostica medica che sfrutta gli ultrasuoni. Esame non invasivo, è vantaggioso per il paziente perché ha generalmente un basso costo, è eseguito facilmente e in tempi brevi ed infine è totalmente innocuo e senza controindicazioni.

EcografiaQuando viene prescritta un’ecografia? Tale esame viene effettuato se è necessario verificare la presenza di alcune patologie in diversi organi tranne in quelli circondati da aria e osso che le onde ultrasonore non possono attraversare. Vediamo insieme alcuni esempi.

  • Torace: cavi ascellari e mammelle.
  • Collo: tiroide, ghiandole salivari, linfonodi, paratiroidi, vasi, cisti cervicali.
  • Addome: vescica, prostata, pancreas, fegato, reni, milza, utero, anse intestinali.
  • Articolazioni e tendini.
  • Pari molli: cisti, tumefazioni.

L’ecografia viene utilizzata anche per scoprire l’origine di un dolore o determinarne l’organo causante; permette inoltre di stabilire perché possa verificarsi un aumento volumetrico di un organo cervicale e/o addominale o, se associata al Power-Doppler, di evidenziare le caratteristiche del flusso ematico.

Cosa è necessario fare per prepararsi ad un’ecografia a Torino?

Ecografia TorinoEsistono molti centri convenzionati che operano su Torino e provincia: è possibile rivolgersi a queste strutture per prenotare la propria visita e chiedere istruzioni a riguardo e quali misure adottare al fine di migliorare la diagnosi. Per prepararsi a questo esame è infatti necessario seguire alcune procedure dietetico – comportamentali che variano a seconda dell’organo e della zona da esaminare.

L’esame non è in ogni caso doloroso e dura circa 15-20 minuti. Il paziente dovrà solo collaborare e seguire le indicazioni del tecnico come ad esempio ispirare ed espirare quando richiesto. Dopo essersi sdraiati sull’apposito lettino dovrà essere scoperta la parte da esaminare: il tecnico utilizza quindi un gel trasparente che permette di eliminare qualsiasi tipo di attrito tra il corpo e la sonda. L’ecografista procederà quindi a registrare le immagini muovendo il trasduttore. In alcuni casi, come l’ecografia trans-vaginale o trans-rettale, l’esame può arrecare qualche fastidio comunque sempre di modesta entità.

I risultati dell’ecografia vengono consegnati immediatamente al paziente. Dopo questo esame è possibile riprendere senza problemi la vita quotidiana: non essendo impiegate radiazioni ionizzanti non c’è infatti alcun problema ed è per questo motivo che l’ecografia può essere eseguita su pazienti di ogni età, anche pediatrici.

A riprova di ciò c’è l’ecografia morfologica, uno degli esami più importanti eseguiti su donne in stato di gravidanza. Grazie ad esso è infatti possibile verificare la salute del feto. In questi casi è di fondamentale importanza l’elevato standard di qualità delle apparecchiature e la preparazione dell’ecografista. È per questo che è possibile rivolgersi ai centri convenzionati che operano su Torino e provincia per chiedere tutte le informazioni a riguardo.

Grazie all’ecografia morfologica è possibile verificare le dimensioni ed il sesso del nascituro, la quantità di liquido amniotico, la posizione della placenta ed eventuali anomalie nell’anatomia. Grazie a questa diagnosi morfologica del feto i futuri genitori possono essere indirizzati verso l’esecuzione di altri esami più specifici qualora vengano riscontrate malformazioni.

Ma come si svolge un’ecografia morfologica e quando è necessaria prenotarla?

Si tratta di un esame indolore e molto semplice eseguito con una sonda che l’ecografista passa sull’addome della paziente dopo aver spalmato un apposito gel. Viene prescritta dal ginecologo tra la ventesima e la ventiduesima settimana: tale diagnosi precoce è necessaria per scoprire immediatamente eventuali problemi e per permettere alla paziente di scegliere di interrompere la gravidanza nei tempi previsti di legge.

Prenota la tua ecografia a Torino.