Ecografia 3D Torino

Ecografia 3D TorinoL’ecografia 3D sta via via sostituendo l’ecografia tradizionale. È apprezzata perché offre immagini dettagliate, apprezzabili anche da chi non è medico. Viene eseguita in gravidanza nelle grandi città come Torino, non è invasiva e permette di vedere il proprio bambino in una visione a più dimensioni, quindi non più immagini piatte e incomprensibili come nell’ecografia tradizionale.

Offre certamente maggiori informazioni ai genitori, ma soprattutto da la possibilità di “conoscere” in anticipo l’aspetto del feto. Si ha la sensazione di fotografare il feto dall’interno della pancia.

Come funziona l’ecografia 3D?

Il sistema ricalca il metodo dell’ecografia tradizionale. Attraverso l’utilizzo di una sonda ad ultrasuoni e del gel vengono salvate diverse immagini, che invece di essere stampate, vengono salvate e memorizzate l’una dopo l’altra. Un software ha il compito di realizzare l’immagine tridimensionale, assembla i vari fotogrammi l’uno dopo l’altro fino ad ottenere un’immagine tridimensionale, molto fedele alla realtà, che evidenzia i lineamenti del feto e la posizione in cui si trova nella pancia.

L’immagine poi viene stampata utilizzando cromature che permettono di distinguere perfettamente le varie parti del viso e del corpo. Allo scopo sono necessari ecografi all’avanguardia che si differenziano nettamente da quelli tradizionali e che dispongono di software capaci di renderizzare le varie immagini in un’unica foto, che permette di riconoscere il feto prima che nasca.

Quando è possibile effettuare l’ecografia 3d?

I tempi per eseguire questo tipo di ecografia sono molto simili a quella tradizionale. Si può prenotarla a Torino come in altre città. È possibile effettuarla per via transvaginale nelle prime settimane di gestazione, quindi anche al primo mese di gravidanza e sovra-pubica a sesto e nono mese.

Tuttavia si può decidere di eseguirla in qualsiasi momento della gestazione, da considerare che il feto sarà ben visibile nei primi mesi visto le sue dimensioni ridotte, mentre nelle ultime settimane, quando sarà ormai cresciuto, sarà possibile osservare solo parti del corpo. In genere si procede a farla in concomitanza della morfologica, e quindi intorno al terzo mese di gravidanza.

Perché fare l’ecografia 3d?

Lo scopo di questa ecografia è capire se il feto è ben formato e non siano presenti anomalie agli arti, alla spina dorsale, alle orbite oculari e al cranio. È molto utile per l’esame del cordone ombelicale e in tutti quei casi in cui si ha la certezza che sia presente intorno a parti delicate e vitali del feto, come il collo e il torace. In questi casi la valutazione è molto utile poiché permette di capire se è possibile un parto naturale o, in alternativa, per evitare problemi di sofferenza fetale, scegliere una nascita con taglio cesario.

L’ecografia 3d è utile nell’analisi del torace e nella valutazione dello sviluppo degli organi interni come polmoni, cuore, stomaco e reni. Osservare immagini tridimensionali permette di avere un vantaggio in più rispetto all’ecografia tradizionale. È possibile capire il grado di sviluppo degli organi vitali rispetto alle settimane di gestazione. Le informazioni offerte sono maggiori e più utili rispetto ad una semplice ecografia tradizionale.

Quanto costa l’ecografia 3d?

L’ecografia 3d può essere eseguita a Iliza a Torino, per maggiori informazioni contattaci.